Un giorno di cinque anni fa, scendendo dall’autobus, mi sono trovato davanti un cartellone pubblicitario. Annunciava che la Bosch (la marca di aspirapolveri e phon per capelli) stava organizzando a Roma le selezioni per il primo Contest Internazionale Ufficiale (diceva proprio “ufficiale”) di Break-dance.

Mi sono detto, vediamo un attimo di capirci qualcosa: la Bosch, marca tedesca di elettrodomestici, tra una lavastoviglie e un congelatore, decide di sponsorizzare un Contest Internazionale, Ufficiale, di break dance. Così, con uno sforzo di fantasia nemmeno troppo grande, ho immaginato file, schiere di b-boys che raggiunti da questa notizia si vedevano improvvisamente delegittimare del loro titolo. Ho immaginato giovani o meno giovani, uomini e donne, vestiti con pantaloni larghissimi e magliette lunghissime, cappellini o fasce per capelli, che per anni, magari decenni si sono sfidati per le strade del ghetto (o della borgata) al ritmo Hip-hop di bellissime mossette nervose e allo stesso tempo aggraziate, piroette e gesti atletici da far invidia a ginnasti olimpici, in così dette battle iniziate dai loro predecessori almeno quarant’anni fa, che da un giorno all’altro venivano privati del diritto di dirsi breakers a meno che non partecipassero a queste selezioni ufficiali del Bosch Contest.

Tipo:

Ragazzo sui 25, fisico atletico, capelli afro tenuti su da una fascia per capelli Nike che dopo aver girato tre volte su se stesso poggiato sul palmo della mano destra, si ritira su in piedi con un doppio mortale all’indietro e cammina a ritmo di Insane in the membrane verso una ragazza sui 20, vestita come J-Lo in Jenny from the block.

– Giovane Jenny, seducente nel suo accento di Roma Est: “quindi balli la break-dance? Ammazza quanto sei bravo!” (sbatte le ciglia)
– Giovane B-boy coi capelli afro, continuando a sparare power-mossette: “Eh sì, ballo da quando c’ho 10 anni, già mi sentivo i ColleDerFomento”
– Giovane Jenny: “Mortacci. Ma allora hai partecipato al Bosch Contest!” (si sfiora il collo)
– Giovane B-boy, si ferma interdetto: “Al che?!”

La giovane Jenny lo guarda disgustata e senza aggiungere altro torna a scrollare il suo Instagram senza alzare più gli occhi su di lui.

Puoi essere pure James Brown ma se non partecipi al Bosch Contest non sei nessuno.

 

httpa://www.youtube.com/watch?v=Ud9kx1-I5F0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi