Da Gaspar Noè Lars von Trier: con u po’ di ritardo arriva la selezione dei titoli usciti nel 2018 pensata dagli organizzatori della vostra amata rassegna. L’ordine è rigorosamente casuale e sì, lo sappiamo, ce ne sarebbero molti altri da aggiungere alla lista. Ma questa non è una classifica (un concetto che come sapete detestiamo), si tratta semplicemente dei film che il Festival del Cinema Veramente Indipendente si sente di consigliare ai suoi affezionatissimi supporter.

 

FREE SOLO

 

 

 

 

 

Elizabeth Chai Vasarhelyi e Jimmy Chin firmano per National Geographic un documentario sull’arrampicata sportiva. Ma ancora di più su Alex Honnold, un genio – o soltanto un pazzo – che ha compiuto l’impresa del secolo sulla parete verticale di El Capitan, nello Yosemite National Park.

 

CLIMAX

 

 

 

 

 

Eros, violenza e altri istinti primordiali. Da Irreversible in poi, ogni film di Gaspar Noé è stato un capolavoro di originalità. Questo non fa eccezione. Da vedere.

 

LA CASA DI JACK

 

 

 

 

 

Per von Trier può valere quanto scritto sopra per Gaspar Noé. Aggiungiamo che le opere del regista danese diventano sempre più dark e prive di filtri morali, e allo stesso tempo si avvicinano ancora di più alla realtà.

 

MISSION IMPOSSIBLE: FALLOUT

 

 

 

 

 

Per molti è il miglior titolo della serie, nonostante Brian De Palma. Non sappiamo dire se sia davvero così.  Ma ci sentiamo con tutto il cuore di consigliarvelo.

 

MANDY

 

 

 

 

 

Un revenge horror con Nicolas Cage in grande spolvero. Acclamato al Sundance, sembra aver suscitato opinioni contrastanti nella critica italiana (spesso è un buon segno).

 

AMICHE DI SANGUE

 

 

 

 



Thoroughbreds (il titolo originale) è stato presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival nel gennaio 2017, ma è stato rilasciato più di un anno dopo. Un debutto alla regia, quello di Cory Finle, che ci ha decisamente convinto.

 

HEREDITARY

 

 

 

 

 

Un altro Horror e un altro debutto. Dopo tre corti, il regista Ari Aster arriva alla prova (superata) del lungometraggio. Per Rolling Stone è “il film più spaventoso del 2018”.

 

FIRST REFORMED

 

 

 

 

 

Anche questo è un film del 2017 distribuito l’anno successivo. Girato in 20 giorni tra Brooklyn e il Queens, è l’ultima fatica di Paul Schrader, sceneggiatore di Taxi Driver. Candidato agli Oscar 2019 per la miglior sceneggiatura originale.

 

THE FAVOURITE

 

 

 

 

 

Dieci nomination e un oscar: Olivia Colman migliore attrice protagonista. Un film che ha diviso pubblico e critica, come tutti  i lavori di Yorgos Lanthimos.

 

COLD WAR

 

 

 

 

 

Romanzo d’amore in bianco e nero firmato da Pawel Pawlikowski, premiato per la miglior regia a Cannes 2018.

 

Bonus
Lord of Chaos: 
un biopic musicale che invece di raccontare una bella storia su una musica altrettanto bella, come accade in Bohemian Rapsody, racconta una storia triste e su una musica non proprio digeribile come il black metal. Anche per questo crediamo che sia stato snobbato un po’.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi